9 - Scale

L'uso delle scale è il primo approccio utile per prendere confidenza con la sequenza delle note sullo strumento secondo una logica musicale ben precisa. Le scale sono contraddistine da una nota (ad esempio DO, RE ecc.) e da un modo (Maggiore, Minore ecc.). In queste lezioni ci limiteremo a trattare le principali scale nei due modi Maggiore e Minore.
Ogni scala maggiore è composta da una sequenza di note distanziate tra loro dal seguente ordine: 1 tono, 1 tono, 1 semitono, 1 tono, 1 tono, 1 tono, 1 semitono (es. DO RE MI FA SOL LA SI DO).
Ogni scala minore è composta da una sequenza di note distanziate tra loro dal seguente ordine:
1 tono, 1 semitono, 1 tono, 1 tono, 1 semitono, 1 tono, 1 tono.
La diteggiatura necessaria per eseguire le scale su una ottava, come proposto negli schemi seguenti, prevede che la mano sinistra sia fissa sul manico e siano soltanto le dita a muoversi (cioè non deve essere necessario spostare la mano lungo il manico per completare l'ottava).
L'indicazione "0" indica che la corda deve essere suonata "a vuoto", cioè senza premerla.


Ciascuna scala può essere suonata sia in senso ascendente che discendente. E' consigliabile cominciare l'esecuzione delle scale con una velocità bassa, curando molto la corretta diteggiatura. Quando le posizioni saranno correttamente acquisite è possibile provare ad incrementare la velocità di esecuzione progressivamente.
Le scale sulle note intermedie non rappresentate negli schemi sono eseguite con posizione analoga a quella della nota adiacente; ad esempio, una scala di DO# Maggiore si esegue come una scala di DO Maggiore, scivolando però avanti di un tasto (quindi si comincerà a premere sul 4° tasto anzichè sul 3° e così via).

Vediamo ora le stesse scale nel modo "minore". Anche in questo caso vale quanto già detto per le scale maggiori. Ciascuna scala può essere suonata sia in senso ascendente che discendente. E' consigliabile cominciare l'esecuzione delle scale con una velocità bassa, curando molto la corretta diteggiatura. Quando le posizioni saranno correttamente acquisite è possibile provare ad incrementare la velocità di esecuzione progressivamente.
Le scale sulle note intermedie non rappresentate negli schemi sono eseguite con posizione analoga a quella della nota adiacente.