FENDER Jazz Bass Steve Bailey  6 corde fretless

DATI TECNICI:

Scala: 34" , 24 tasti
Manico: Acero
Corpo: Ontano
Tastiera: Ebano
Pick-up: Fender single-coils
Elettronica: attiva, 18 volt, a due vie
Ponte: Fender (con possibilità strings thru body)
Meccaniche: Hipshot Ultralite




IMPRESSIONI:

Con questo strumento la Fender entra per la prima volta nel mondo dei bassi a 6 corde. Lo fa con un modello segnature dedicato al bassista Steve Bailey, grande utilizzatore di bassi 6 corde, fretless in particolare. Bisogna riconoscere che con questo strumento la Fender è riuscita a mantenere abbastanza intatta l’anima timbrica del Fender Jazz, pur con uno strumento complessivamente più moderno. Questo basso viene proposto sia in versione fretted sia in versione fretless e, per chi ama il Fender Jazz e i bassi a 6 corde, finalmente può trovare un’accoppiata fretted/fretless in grado di soddisfare le proprie esigenze.
Il corpo è nel classico ontano, il manico in acero (taglio di quarto) con profilo asimmetrico e barre di rinforzo in grafite, la tastiera in ebano con compound radius da 9.5” a 14”, 24 tasti e scala 34”. La verniciatura è alla nitro. Tutto lo strumento appare ben curato sia negli accoppiamenti sia nella verniciatura. La parte elettronica è costituita da una coppia di pick-ups single-coil Fender e da un’elettronica attiva 18 volt con volume, balance , alti,bassi e mute switch. Le meccaniche sono le collaudatissime ed efficientissime Hipshot Ultralite. Alla prova del suono il basso è assolutamente convincente, ben bilanciato dalle corde gravi alle corde acute, con un low B poderoso e presente. Il timbro è quello che ci si può aspettare da un Jazz Bass, privilegiando il pick-up al ponte si ottiene un suono molto medioso e “miagolante”. Manico e tastiera sono comodissimi e anche l’accessibilità alla parte alta della tastiera risulta buona. In sintesi, un ottimo strumento, sicuramente consigliato a chi attendeva un Fender Jazz a 6 corde.


Data recensione: 2010