MARI Stego  5 corde

DATI TECNICI:

Manico: bolt-on , 5 pezzi acero-wengè
Corpo: Frassino con top in palissandro
Tastiera: Palissandro
Pick-up: 2 sigle-coil Schaller
Elettronica: Mari, attiva a 2 vie
Ponte: Schaller 3D5
Meccaniche: Schaller


IMPRESSIONI:

Il basso in oggetto è prodotto dai liutai torinesi Mari. Si tratta un un modello bolt-on (l’esemplare provato era del 2000) con manico in 5 strati acero/wengè, corpo in frassino con top in palissandro e tastiera in palissandro. La parte elettronica è costituita da due p.u. single-coils Schaller ed elettronica attiva Mari (volume, volume, alti, bassi). Ponte Schaller 3D-5 e meccaniche Schaller.
Lo strumento si presenta complessivamente ben realizzato ed assemblato. Il manico è sottile e abbastanza veloce. L’intercorda abbastanza ridotta (17 mm.) rende però poco agevole l’uso della tecnica slap, quanto meno ad un primo impatto. La prova del suono è decisamente positiva: la timbrica è corposa e mediosa,  buca bene nel mix pur avendo dei bassi profondi. L’elettronica è silenziosa ed interviene con efficacia. La mancanza di una regolazione dei medi si avverte nella ricerca di una timbrica slap più performante, mentre in finger il basso, già in flat, timbricamente è molto efficace. Unici problemi dell’esemplare
testato: un evidente dead-spot al decimo tasto della corda D (piuttosto fastidioso a dire il vero) , un paio di tasti da livellare (intorno al 18°-20° tasto) e un Low B che tende a diventare poco definito avanzando nel manico oltre le prime posizioni.



Data recensione: 2007