PALATINO VE500  electric upright

DATI TECNICI:

Scala: 104" (3/4)
Manico: acero
Corpo: acero
Tastiera: ebano
Pick-up: piezo, integrato al ponte
Elettronica: attiva, volume e tono
Ponte: legno
Meccaniche: Palatino



IMPRESSIONI:

La premessa doverosa è che io non sono un contrabbassista. Ho sempre suonato il basso elettrico e l’uso di un contrabbasso elettrico è legato alla curiosità di sperimentare il grande fratellone del mio strumento, nonché provare ad utilizzare un suono più “classico” quando suono gli standard jazz. Le mie impressioni sullo strumento quindi sono assolutamente quelle di un profano.
Il Palatino è un contrabbasso elettrico economico di provenienza orientale. Non ci si deve aspettare certo una gran cura nelle finiture o nelle verniciature, ma quello che conta è che alla fine lo strumento funziona. La scala, il profilo del manico, il ponte, l’action, sono nelle misure tipiche di un contrabbasso 3/4; manca ovviamente la “fisicità” di avere la cassa del contrabbasso acustico appoggiata al proprio corpo.
Essendo uno strumento elettrificato, il Palatino sfrutta un piezo posizionato sotto il ponte per trasmettere il suono; i controlli sono molto semplici, limitati ad un volume generale e un tono per tagliare o meno le alte frequenze.
A livello timbrico, il Palatino restituisce un suono abbastanza simile a quello di un vero contrabbasso, con un lieve eccesso di sustain che però può essere corretto utilizzando una spugnetta ad esempio per bloccare la vibrazione delle corde ed avere un decadimento più rapido del suono.
In sintesi quindi:

PREGI:
Prezzo contenuto
Timbrica credibile
Misure fisiche da contrabbasso

DIFETTI:
Rifiniture poco curate
Elettronica con troppo fruscio di fondo
Mancanza di un appoggio efficace al corpo




Data recensione: 2010