SIRE Marcus Miller V7

DATI TECNICI:

Scala: 34", 20 tasti
Manico: Acero
Corpo: Frassino
Tastiera: Acero
Pick-up: 2 single-coils
Elettronica: Marcus Miller, Attiva/Passiva a 3 vie
Ponte: Sire
Costruzione: Bolt-on



IMPRESSIONI:

DDopo aver sentito molto parlare di questi bassi SIRE, con valutazioni spesso diametralmente opposte, ho deciso di provare a prenderne uno per potere farne una mia valutazione personale. Sono partito con un modello P7 (il Precision) di cui trovate una recensione nella scheda dedicata; di seguito sono passato ad acquistare anche un V7, ovvero il modello Jazz Bass.
Lo strumento si presenta davvero ben realizzato, ottimo l’aspetto dei legni e la qualità degli assemblaggi. Il mio esemplare è natural, quindi anche nel corpo del basso i legni sono a vista e fanno un’ottima impressione visiva. La configurazione è quella classica dei natural Fender Jazz, con il corpo in frassino (swamp ash), manico e tastiera in acero, con block rettangolari tipo madreperla e binding. Il battipenna è bianco perlato, che si intona perfettamente con i block della tastiera (quest’ultima ha un radius “vintage” di 7.25”).
La parte elettronica e costituita da due pick-ups single-coils combinati con un’elettronica valida e versatile, che prevede l’opzione attivo (18 v.) e passivo. I controlli permettono di regolare il volume, il balance dei p.u., alti, medi, bassi e tono passivo. Il controllo dei medi, concentrico, permette di scegliere la frequenza di intervento e su quella lavorare in cut/boost. Personalmente trovo questa soluzione davvero efficace.
Il suono è molto fedele a quello tipico di un Jazz Bass, anche utilizzato in passivo. Utilizzando l’elettronica è possibile modellare a piacimento il timbro e non è difficile tirare fuori dei suoni slap molto “milleriani”.
Trattandosi di un 5 corde, il low B è davvero ottimo.  Il peso è nella norma per un 5 corde tipo Jazz, siamo intorno ai 4,2 Kg.
Tirando quindi le somme personalmente sono rimasto davvero favorevolmente  stupito da questo strumento. Se non conoscessi il prezzo, per le sue caratteristiche reali, confrontandolo con la concorrenza, lo collocherei su una fascia di prezzo decisamente superiore a quella a cui viene venduto. Rapporto qualità prezzo che ha dell’incredibile, consigliatissimo per chi cerca un buon Jazz Bass ad un prezzo più che ragionevole.

Data recensione: 2018